Smaltimento rifiuti

Il rifiuto indifferenziato raccolto segue principalmente due strade: viene smaltito direttamente in discarica (circa il 6%) o viene pretrattato presso la linea di selezione attiva presso l’impianto di compostaggio di Fossoli, dove viene separato in sovvallo da discarica e frazione organica stabilizzata (FOS). Nelle discariche vengono conferiti anche i sovvalli di scarto dalla produzione del compost (linee qualità) e gli scarti di lavorazione di Ca.Re. e Tred Carpi.

La maggior parte del rifiuto urbano indifferenziato, prima di essere smaltito in discarica, subisce, presso la linea di selezione dell’impianto di compostaggio di Fossoli, il trattamento meccanico biologico (TMB). Lo scopo del trattamento è quello di eliminare l’umidità dal materiale organico presente nell’indifferenziato, onde limitare i processi di fermentazione anaerobica che normalmente avvengono nelle discariche.

Le discariche sono poste al termine del processo di gestione del rifiuto. La maggior parte del rifiuto non recuperabile gestito da AIMAG confluisce in discariche di proprietà, mentre una parte minoritaria presso discariche esterne. In discarica vengono conferiti i rifiuti solidi urbani (RSU) ed i rifiuti speciali; nelle discariche AIMAG non vengono smaltiti rifiuti pericolosi. I rifiuti speciali smaltiti si possono dividere in 2 grandi categorie: quelli derivati dall’attività degli impianti del Gruppo e gli altri rifiuti speciali a mercato.

AIMAG gestisce 4 discariche sul territorio: Fossoli di Carpi, Mirandola, Medolla e San Marino di Carpi. Nel 2016 risultano attive le discariche di Fossoli e di Medolla; al 31-12, quest’ultima è l’unica con capacità residua, per circa 24.400 tonnellate. La discarica di Fossoli ha ricevuto il VIA per un ampliamento in corso di realizzazione.
La discarica di San Marino è gestita per la fase post-operativa (post-mortem).